Dopo quello scoppio simile a un “terremoto”, è un lunedì di blocco totale negli stabilimenti di Acciaierie Venete. Non solo a Padova, dove l’area è stata sequestrata dalla magistratura, ma anche negli altri siti dell’azienda. I lavoratori hanno deciso di scioperare per richiamare l’attenzione sul tema della sicurezza in seguito all’incidente che domenica mattina nel reparto fonderia ha coinvolto quattro persone, due dipendenti diretti e due della Hayama Tech che lavora in appalto nel siderurgico. Le condizioni dei feriti più gravi restano stabili, anche se ancora critiche.

A destare più preoccupazione è l’operaio ricoverato nel centro Grandi ustionati di Padova, che nella notte – apprende Ilfattoquotidiano.it da fonti sindacali – si sarebbero “aggravate”. È uno dei due, assieme a Marian Bratu, pure lui in condizioni “disperate”, investito dall’ondata di aria bollente che si è sprigionata dopo il crollo della siviera, la “cesta” che conteneva 90 tonnellate di acciaio fuso. La caduta, avvenuta da un’altezza di 4-5 metri, è stata definita “imponderabile” da Acciaierie Venete, che ha sottolineato come l’impianto fosse stato revisionato lo scorso mese. Il quarto ferito, quello meno grave, è stato dimesso nella tarda serata di domenica con una prognosi di 15 giorni.

La giornata di astensione dal lavoro non sarà l’unica. Le segreterie dei metalmeccanici di Cgil, Cisl e Uil del Veneto hanno proclamato lo sciopero regionale di tutto il settore e al più presto i sindacati di categoria renderanno note data e modalità. “Il gravissimo incidente di Padova – affermano in una nota congiunta – è purtroppo l’ultimo di una interminabile sequenza di incidenti, spesso mortali, che in questi mesi hanno funestato il Veneto e il Paese, un tributo di sangue inaccettabile che occorre fermare al più presto per garantire a tutti i lavoratori e in tutti i luoghi di lavoro il diritto alla salute e alla sicurezza”.

I sindacati fanno notare come “l’allungamento degli orari di lavoro contrattuali e di legge, il ricorso all’appalto e spesso al sub appalto, la compressione dei costi di produzione anche di quelli su salute e sicurezza sono scelte sbagliate che sono spesso alla base dei tragici fatti che periodicamente colpiscono i lavoratori metalmeccanici”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fermo, crolla il tetto di un’aula di un istituto tecnico: nessun ferito. Ma la scuola rimane aperta

next
Articolo Successivo

Padova, il sopravvissuto all’incidente nell’acciaieria: “I colleghi sembravano fusi, addosso solo brandelli di pantaloni”

next