Ore 22:40. la lunga giornata di Luigi Di Maio termina incontrando i cronisti che lo attendono dopo la riunione degli deputati e senatori del M5S. “Il Presidente Mattarella ha detto scegliete tra un ‘governo neutrale‘ o il voto in estate o in autunno, io scelgo il voto il prima possibile. Prima si fa meglio è. Quali sono le condizioni per arrivare con un governo a dicembre – si chiede Di Maio – qui il vero rischio è che per colpa di Salvini che vuole stare con Berlusconi, ci ritroveremo un governo tecnico appoggiato da Berlusconi. Se parte questo governo tecnico è perché Salvini gli avrà dato una mano”.

Di Maio rimarca e sottolinea che nel governo “di ‘neutrale’ non ci sarebbe nulla”. Salvini? Se continua a scegliere Berlusconi evidentemente è per un proprio tornaconto” e alla domanda se si aspetta ancora qualcosa dal segretario della Lega, il capo politico del M5S afferma: “Cosa mi devo aspettare più”, nella notte si aspetta qualcosa? “il mio cellulare è sempre acceso” si congeda Di Maio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Governo, Stefania Craxi: “Mio padre al tavolo con Di Maio? Mai con quello scappato di casa”

prev
Articolo Successivo

Caro Mattarella, serve un uomo che unisca. Scegli Carlo Petrini Presidente del Consiglio!

next