Saranno bocciati tre dei sei studenti quindicenni dell’Itc ‘Francesco Carrara‘ di Lucca coinvolti nella vicenda delle offese e minacce al professore di italiano, filmate e poi diffuse in rete. A deciderlo è stato il consiglio d’istituto che si è riunito sabato. I due alunni che hanno ripreso le azioni dei compagni sono stati sospesi fino al 19 maggio. Anche questo provvedimento, se confermato, potrebbe portare alla bocciatura. Ieri il consiglio di classe aveva sospeso per 15 giorni un sesto studente.

Tutti e sei gli alunni, i quattro ripresi nel video e i due autori dei filmati che hanno fatto il giro del web, sono indagati per i reati, in concorso, di violenza privata e minacce. Sono ritenuti responsabili di “un’azione complessivamente volta e preordinata a umiliare e dileggiare il professore, anche attraverso la videoripresa e la successiva diffusione dei filmati mediante WhatsApp”. Uno degli indagati dovrà rispondere anche del tentato di furto del tablet contenente i dati scolastici, il registro di classe, che ha provato a sottrarre al docente che si rifiutava di dargli un voto superiore al suo rendimento.

Le decisioni adottate dal consiglio di classe sono state riferite dal preside dell’Itc Carrara. Cesare Lazzari ha spiegato che nel corso della riunione sono stati sentiti alcuni dei ragazzi coinvolti e i genitori di cinque di loro. Il preside ha voluto sottolineare che i ragazzi si sono scusati e che alcuni di loro lo avevano già fatto. Il consiglio d’istituto, ha assicurato il dirigente, valuterà “con molta attenzione” anche il comportamento del professore preso di mira dai bulli, spiegando che il tempo a disposizione per chiudere questa valutazione è di 30 giorni.

La bocciatura dei tre alunni è una decisione  suggerita anche dalla ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli: “I ragazzi vanno sospesi, il consiglio d’istituto deve valutare la gravità dei fatti, che secondo me c’è e gli studenti devono essere sanzionati fino a non essere ammessi agli scrutini finali” aveva detto giovedì, in riferimento anche alle minacce rivolte da un alunno un istituto tecnico di Velletri a un docente. Vicenda diventata di pubblico dominio in quelle ore con la circolazione del video, anche se accaduta nel dicembre del 2016.