Si sono vissuti momenti di paura nel pomeriggio di oggi a Busto Arsizio in provincia di Varese quando intorno alle 16 ha ceduto il plafone del soffitto facendo crollare il controsoffitto all’interno dell’istituto comprensivo “Bossi” nella scuola elementare “De Amicis” di via Dante Alighieri. In quel momento all’interno dell’aula, i piccoli di una seconda elementare stavano facendo lezione pomeridiana quando calcinacci, pezzi di cemento e pannelli sono piovuti dal cielo, sfiorandoli. Le parti più pesanti della struttura sono fortunatamente cadute tra i banchi senza colpire gli alunni che in quel momento stavano facendo lezione. Per cause in fase di accertamento, 10 metri quadrati di controsofittatura sono crollati. Sono rimasti lievemente contusi dai pannelli e da piccoli detriti di calcinaccio tre bambine di 8 anni, una delle quali ha riportato dei graffi alla testa. Per fortuna nulla di grave, ma le conseguenze potevano essere devastanti. A scopo precauzionale le piccole sono state trasportate in ospedale. Sulla vicenda è intervenuto il sindaco di Busto Arsizio Emanuele Antonelli, estremamente preoccupato per quello che è accaduto: “Domani mattina – ha sottolineato il primo cittadino – interverranno tre imprese, una per piano per verificare tutta la controsoffittatura. Abbiamo rischiato tantissimo. Mi sono spaventato moltissimo: è stato davvero pericoloso. C’era anche una rete che copre tutto il controsoffitto, ma è caduta anche lei. Evidentemente non è una rete che tiene e adesso dobbiamo scoperchiare quattro piani di scuola”.

“Dall’esterno – spiega – sembra un gioiellino ma in realtà non è così visto che avevamo già in programma alcuni interventi. La sicurezza deve essere una priorità. La scuola rimarrà chiusa fino a domenica. Entro sabato se mi diranno che si potrà partire bene, altrimenti resterà chiusa anche dopo. Con i lavori si parte dal piano inferiore: devono poter entrare e occupare le aule in massima sicurezza partendo dal basso. Abbiamo partecipato a un bando da 3 milioni di euro ed era inserita anche questa scuola, ma siamo arrivati oltre i 5.000 perchè gli altri Comuni hanno indici catastrofici mentre noi siamo un Comune virtuoso e paradossalmente veniamo penalizzati in queste situazioni. Abbiamo avanzi di amministrazione, ma non possiamo utilizzarli per il patto di stabilità”. Almeno fino a domenica, quindi, l’edificio resterà chiuso in attesa che vengano concluse tutte le verifiche strutturali in modo da definire con esattezza le cause dell’incredibile crollo.