Dieci minuti a cavallo dell’inizio delle lezioni, tra le 7:55 e le 8:05. Altri dieci dalle 10:55. E un’ultima finestra alle 12:55. Sono gli unici momenti in cui gli alunni dell’istituto alberghiero “Marco Polo” di Genova hanno diritto di andare a fare pipì. A deciderlo è stato il preside, che lo ha ufficializzato con la circolare numero 343. Oggetto: “Orari servizi igienici”. In otto righe il dirigente scolastico ha rivoluzionato l’uso dei bagni. E a chi proprio non ce la fa non basta pregare il professore: serve una firma del medico e dei genitori.

Il provvedimento parla chiaro: “Si rammenta che tutti gli studenti che avessero esigenze particolari avranno autorizzazione ad uscire in orari diversi dietro richiesta della famiglia e presentazione del certificato medico”. Una decisione presa per dare delle regole ai ragazzi a seguito di alcuni comportamenti inadeguati, sostiene il preside. Nella stessa circolare Alessandro Clavarino motiva la sua scelta “visto l’uso inadeguato e a volte vandalico dei servizi igienici e le necessità organizzative per il personale della scuola”.

Chi non l’ha presa bene sono i ragazzi, che si sono rivolti a “Blocco Studentesco”, il movimento legato a CasaPound. Il preside contattato dal Fattoquotidiano.it spiega: “Abbiamo dovuto prendere questo provvedimento a causa della carenza di personale che non può presidiare tutti i piani ma anche perché negli ultimi tempi è mancato il rispetto per i luoghi. L’ordine, la pulizia e il decoro devono essere una priorità per i ragazzi di una scuola come la mia. Sia chiaro: nessuno vuole impedire agli studenti di andare in bagno se manifestano davvero una necessità. Non è una battaglia contro gli allievi che devono andare a fare la pipì”.

D’altro canto Clavarino non è l’unico ad aver sentito la necessità di regolamentare l’ingresso ai servizi igienici della scuola. Prima di lui anche la collega Giuliana D’Avino dell’istituto professionale per i servizi enogastronomici “Rossini” ha preso carta e penna per organizzare meglio i bisogni degli studenti. A Napoli la scelta è stata quella dell’alternanza: mezz’ora aperti, mezz’ora chiusi per tutta la durata della giornata. L’avviso della capo d’istituto chiarisce le fasce d’apertura della toilette: “Dalle 9,30 alle 10; dalle 10,30 alle 11; dalle 11,30 alle 12; dalle 12,30 alle 13.00”. Sulla carta non ci sono scappatoie: “Si precisa – scrive la preside – che negli orari non espressi in tabella, i servizi igienici resteranno chiusi per consentire il riassetto”. Il vice preside Salvatore Aliperta si giustifica: “Si tratta di una questione organizzativa. La circolare è stata accettata dagli studenti. In alcune fasce orarie i bagni vengono ripristinati e puliti. Non c’è un orario fisso ma un tempo che serve per i collaboratori. Se i ragazzi hanno delle urgenze possono andare a fare i loro bisogni. In questo modo anche i docenti possono fare lezione tranquillamente per mezz’ora”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Invalsi, il test si fa su pc: ma dal Centro Italia terremotato alle isole mancano computer e connessione

next
Articolo Successivo

Dsa, Miur fotografa boom delle diagnosi: 67mila in più in un anno. Il pedagogista: “Business dietro etichette date ad alunni”

next