“Escludo di andare in Parlamento a cercare i voti a caso, nel segreto dell”urna”. A rivendicarlo è Matteo Salvini, dopo aver lasciato a piedi il Colle per il secondo giro di consultazioni da Mattarella. Per Salvini serve “un governo chiaro che dice chiaramente chi c’è, d’accordo con i punti di programma ribaditi, dallo stop alla Fornero all’abbassamento delle tasse”. “Ma – ha anche rivendicato – vogliamo nomi e cognomi di chi c’è”.  Il leader della Lega ha poi escluso l’ipotesi di un governo M5s-Lega, con appoggio esterno di Berlusconi e Forza Italia: “No, non ci sono pezzi. E io non devo convincere nessuno a farsi da parte”, ha concluso, riferendosi al leader azzurro

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Consultazioni, il centrodestra si presenta unito e poi si spacca sull’alleanza col Pd. ‘La escludo’. ‘All’Italia serve un governo’

next
Articolo Successivo

Consultazioni bis, Di Maio cambia stile e sceglie l’auto: al Colle al volante della sua utilitaria

next