Lo chiamavano “El Mudo” (il muto), il falsario italiano settantenne arrestato in Argentina insieme ad altre undici persone. Come riporta il sito Clarin.com, è considerato dagli esperti un artista nella produzione di banconote false. Durante la cattura, la polizia federale argentina ha sequestrato un milione e mezzo di dollari e quasi sei milioni di pesos.

Le indagini, condotte dall’Unità investigativa sulla falsificazione della polizia federale argentina, sono iniziate nel 2016 quando diverse persone hanno denunciato alle autorità di aver ricevuto banconote false. Gli inquirenti hanno quindi scoperto l’esistenza di una banda di falsari che ha immesso denaro contraffatto nel mercato. Come? Attraverso l’acquisto di telefoni cellulari e oggetti elettronici di alto valore su siti di compravendita fra privati, come Olx, Let Go e Alamaula (piattaforma di proprietà del gruppo Ebay).

Martedì scorso la polizia federale ha effettuato 18 perquisizioni a Buenos Aires e nella città di Rosario per ordine del giudice Claudio Bonadio. A capo della banda, composta da dodici persone, proprio il falsario italiano. “El Mudo”, affermano gli investigatori, ha cinquant’anni di esperienza nell’attività criminale ed era già indagato in un caso simile dal giudice federale di San Martin, Alicia Vence. “È un artista per la qualità delle banconote, i funzionari della polizia federale mi hanno detto che negli ultimi trent’anni è il lavoro più professionale che abbiano visto”, ha dichiarato Eugenio Burzaco, segretario alla Sicurezza.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, donna muore dopo una liposuzione: la Procura apre un’inchiesta

next
Articolo Successivo

Milano, stupro di gruppo con video a ragazza disabile: condanna a sette anni per un ventenne

next