“Miserabili. Miserabili 1000 volte, che per 4 fanno 4mila, che per 4 fanno 16mila. Aggiungo 5mila e arriviamo a 21mila miserabili. Anzi, 4 milioni di miserabili più Iva”. Così Maurizio Crozza, nel suo Fratelli di Crozza, in onda ogni venerdì in prima serata sul Nove, si cala nei panni di un rabbioso Vincenzo De Luca contro la giornalista Concita De Gregorio e la cantante Teresa De Sio. E si sfoga sulla sua condizione di “murato vivo”: “A casa mia la domenica, anziché le paste, si porta un vassoio di pompette di Ventolin per avere una boccata di respiro in più. Quando apro una scatola di alici quelle dicono: “Richiudete, che qui stiamo più larghe”. Ma poi chi conosce questa Teresetta De Sietta? Non so neanche chi sia questa Concita detta De Gregorio, nome improbabile spagnoleggiante chiaramente falso”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fausto Brizzi, Barbareschi: “Contratto al regista per tre anni, è un genio. #MeToo? Un branco di mentecatti”

next
Articolo Successivo

Crozza-Briatore su M5s: “I grilletti? Hanno avuto vittoria schiacciante proprio come Napoleone Bonaccorti”

next