Dopo quello per i mezzi pesanti, disponibile già da un anno e utilizzabile sulle autostrade di Francia, Spagna, Portogallo, Italia, Belgio, Polonia e Austria, è in arrivo anche il telepass europeo per le auto, che consentirà agli automobilisti italiani (e viceversa) di viaggiare senza problemi sulla rete autostradale spagnola, francese e portoghese, oltre che quella nazionale, utilizzando un unico dispositivo per il pagamento del pedaggio.

La società Telepass, del gruppo Atlantia, ha infatti firmato in tal senso un accordo con il gruppo francese APRR/AREA e con quello spagnolo Pagatelia. Tecnicamente, la novità sarà resa possibile dalla piattaforma interoperabile di Telepass, che mette insieme la tecnologia satellitare con quella a micro onde, come già avviene per i mezzi pesanti in transito nei caselli.

Quello del pedaggio transfrontaliero non è tuttavia l’unico servizio offerto. Con il telepass europeo, si potrà anche pagare la sosta nei parcheggi delle principali città italiane dove questa possibilità è stata prevista: Roma, Milano, Torino, Firenze e Napoli. A cui si aggiungono ora altre 400 centri urbani del vecchio continente, tra cui Madrid, Barcellona e Parigi.

Possibilità che vanno ad aggiungersi ad alcuni servizi già attivati lo scorso autunno, quando aveva preso il via Telepass Pay. Tramite cui è possibile pagare il bollo auto, le multe, il trasporto pubblico e privato (taxi), i parcheggi sulle strisce blu e il car sharing. Ma anche la benzina al distributore, in autostrada e non.