Milly Carlucci non è nello stato d’animo di condurre Ballando con le stelle, è troppo provata dalla morte dell’amico e collega Fabrizio Frizzi, morto a 60 anni per un’emorragia cerebrale.

La conduttrice vorrebbe sospendere il programma. “Sinceramente non me la sento di andare in onda. In questi giorni, nelle prove, c’è un intero gruppo che soffre per un amico. Tutti lo conoscevano, e così il mio sentimento è moltiplicato da tutti, come un’onda che sbatte contro gli scogli e ti torna addosso”, dichiara la Carlucci al Corriere della Sera. Ma la Rai non vuole sospendere la trasmissione. Alcuni rumors accennano a qualche malumore nei confronti della presentatrice, affermando anche che non è stata presentata nessuna richiesta formale da parte della Carlucci. Ma anche se dovesse arrivare, la Rai tirerebbe dritto e Ballando con le stelle andrebbe in onda regolarmente. “Se mi si chiede cosa vorrei, rispondo che vorrei stare nel mio angolo e poter piangere. Purtroppo è l’azienda che decide e io farò quello che mi chiederanno”, conclude la conduttrice.

Ma le polemiche in viale Mazzini non sono finite. Dopo le parole di Pupo, anche Cinzia Fiorato ha detto la sua, confermando, in un certo senso, le parole del cantante. La conduttrice del Tg1, criticando pesantemente la Rai, ha scritto (e poi cancellato) su Facebook: “Un’azienda che venera a colpi di milioni di dobloni gente mediocre che non vale nemmeno i soldi di un francobollo”. Ma non è tutto, perché aggiunge, riferendosi al periodo buio della carriera di Frizzi: “La Rai che oggi lo celebra, gli inferse la ferita di metterlo da parte per molto tempo“.