Assassino, torturatore, i compagni non dimenticano”, la data del 28 marzo 1980 e il simbolo della falce e martello. È la scritta lasciata nella notte con la vernice rossa a imbrattare il murale dedicato al generale Carlo Alberto Dalla Chiesa nel quartiere Ortica a Milano. Il riferimento è al giorno in cui i carabinieri guidati da Dalla Chiesa fecero irruzione in un appartamento usato come base dalle Brigate Rosse in via Fracchia a Genova. Nel blitz furono uccisi tre brigatisti e la proprietaria dell’appartamento.

“Un gesto vigliacco compiuto nella notte, un atto grave che condanniamo perché non si tratta di semplici murales, ma di testimonianze pubbliche della nostra memoria: sono tracce del passato, anzi orme da seguire, per costruire una città migliore”, ha commentato su Facebook il sindaco di Milano, Giuseppe Sala.

Un gesto che, come dice Libera, non arriva “casualmente, a pochi giorni dal 21 marzo quando a Milano e in tutta Italia si è celebrata la Giornata della memoria in ricordo delle vittime innocenti delle mafie. È un tentativo meschino di deturpare la memoria di uno degli uomini che hanno letteralmente dato la loro vita per difendere il nostro Paese da mafia e terrorismo. Gesti ignobili come questo rendono ancora più forte il nostro impegno quotidiano in difesa della memoria delle vittime di ogni criminalità. Tutta la nostra profonda solidarietà alla famiglia dalla Chiesa, e al nostro presidente onorario Nando Dalla Chiesa“. Un episodio simile era accaduto sempre a Milano il 12 febbraio scorso, quando era stato vandalizzato il murales dedicato a Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, in corso di Porta Ticinese.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Campidoglio, Meloni lascia il Commercio. Verso addio anche Gennaro (Partecipate). Rivoluzione dipartimenti: via 55 dirigenti

prev
Articolo Successivo

Terrorismo. Smantellata in Italia la rete di Anis Amri, il killer di Berlino: 5 arresti

next