La bionda ereditiera Paris Hilton stava ballando scatenata nella discoteca RC Cola Plant di Miami quando si è accorta di non avere più al dito l’anello di fidanzamento con diamante da 2 milioni di dollari regalatole dal suo promesso sposo Chris Zylka. Subito è andata nel panico e ha iniziato a piangere disperata, come racconta la rubrica di gossip del New York Post, Page Six.

“Paris stava ballando con le mani in aria, e un minuto dopo il suo gigantesco anello è volato via – ha raccontato un testimone al tabloid -. Era completamente in panico perché la sala della discoteca era piena e molto buia, erano le prime ore del mattino e c’era un’atmosfera euforica”.

Ma subito è intervenuto il fidanzato, che ha radunato un vero e proprio “esercito di membri della security” per cercare il gioiello perduto. Incurante delle 7mila persone presenti all’interno della discoteca, ha preso il via “un’incredibile ricerca con torce nell’area vip, guidata da Chris e con l’aiuto di altre persone – spiega il testimone -. C’era chi strisciava sul pavimento, sotto i tavoli, sotto i piedi di altre persone e sotto le sedie”.

Tutti stavano incominciando a perdere le speranze quando uno degli uomini della security ha scovato l’anello, nascosto in un secchiello del ghiaccio poco lontano dal tavolo dell’ereditiera. Appena le è stato consegnato, Paris ha ricominciato a piangere, questa volta di gioia, e per festeggiare ha pubblicato su Instagram una sua foto con indosso l’anello  e la scritta: “Di nuovo insieme, è così bello”.

Reunited and it feels so good…✨?✨

Un post condiviso da Paris Hilton (@parishilton) in data:

L’ereditiera più famosa d’America aveva detto “sì” a Zylka solo nel gennaio scorso, dopo una proposta di matrimonio in diretta Instagram tra le montagne di Aspen, in Colorado.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roberto Fico spopola su Twitter: ‘gli hanno appioppato la santità’ #RobertoFicoSantosubito

prev
Articolo Successivo

Fabrizio Frizzi, l’ultimo messaggio al sindaco della “sua” Bassano Romano, dove sarà sepolto: “Sto meglio”

next