Claudio Cecchetto, qualche youtuber, mamme con i figli, mamme senza figli, ragazzine che lanciano manette sul palco (apprezzatissime da Damiano). È variegato il pubblico milanese accorso al concerto dei Maneskin: due date sold out (si ripete venerdì 23 marzo), anche se qualche posto libero in realtà c’era.

Un’ora e un quarto di concerto che fila liscio tutto d’un fiato tra cover che per i fan ormai sono hit targate Maneskin (come Let’s get it started e Beggin’); un momento più raccolto in acustico (“Mettete via i cellulari”, ha chiesto al pubblico il frontman) che riesuma persino Gangsta’s Paradise (1995); e poi il gran finale con Damiano che prima si arrampica sulla struttura del palco e poi si esibisce nell’ormai celeberrima pole dance in tacchi a spillo (qui sotto il video). Tutti i flash degli smartphone, infatti, sono sempre per lui, per il leader Damiano che non nega niente della sua fisicità ai fan, esibendosi spesso a torso nudo, ma quando gli si chiede il segreto del suo successo si schermisce: “Non lo so perché piaccio, ma me la godo”.

La prima data milanese è l’occasione per i vincitori morali di X Factor per presentare in anteprima il nuovo singoloMorirò da Re” (in uscita il 23 marzo). “È la prima volta che ci esponiamo in l’italiano – spiega Damiano – ma è stata una casualità perché noi scriviamo in entrambe le lingue e vogliamo destreggiarci in entrambe le lingue senza mai abbassare il livello del prodotto. Il significato della canzone è di redenzione: dal male può nascere il bene”

In autunno, inoltre, partirà un nuovo tour per l’Italia in location più grandi. “Sarà molto diverso da questo – puntualizzano – cambierà l’allestimento e soprattutto la scaletta. Non faremo più per la maggior parte cover“. Infatti, prima dei nuovi concerti, è prevista l’uscita del loro album.

(di Erminia Guastella)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

TheGiornalisti, ecco il nuovo singolo “Questa nostra stupida canzone d’amore” (VIDEO)

prev
Articolo Successivo

Quel fenomeno unico e irripetibile che è Franco Battiato

next