I carabinieri di Brindisi stanno eseguendo una misura cautelare nei confronti di 11 persone (9 arresti e 2 obblighi di dimora), ritenute responsabili, a vario titolo, di detenzione illegale e porto in luogo pubblico di arma da guerra di tipo kalashnikov e di arma comune da sparo, danneggiamento seguito da incendio, violenza privata, sequestro di persona, rapina, ricettazione, resistenza a pubblico ufficiale, favoreggiamento personale.

I fatti sono riconducibili agli scontri dell’autunno scorso a Brindisi, periodo in cui due fazioni si sono fronteggiate con una serie di attentati e ferimenti con armi da fuoco. Su alcuni degli episodi avvenuti in quel periodo erano già stati emessi due provvedimenti, nei confronti di nove persone in tutto. Le contestazioni dell’ultimo provvedimento emesso, eseguito oggi all’alba, riguardano vicende diverse che risalgono al novembre 2017, ma comunque inquadrabili – secondo gli investigatori – nella stessa dinamica