Il 26 ottobre 2014, con l’eco del 40% alle europee di maggio, Renzi tuonava contro la vecchia classe dirigente del Pd. Le sue parole contro Bersani&Co alla Leopolda di quell’anno non lasciavano dubbi in merito alle sue intezioni: “Rispettiamo tutti ma c’è una cosa che non consentiremo a chi ha detto che la Leopolda è imbarazzante. Non consentiremo a quella classe dirigente di riprendersi il Pd per riportarlo dal 41 al 25%, non consentiremo di fare del Pd il partito dei reduci, saremo il partito del futuro e dei pionieri, valorizzando la memoria del nostro popolo ma la memoria senza speranza è per il museo delle cere, non per l’Italia del domani”. Il 5 marzo 2018, alle elezioni nazionali il Pd di Renzi è sceso al 18 per cento. Nel 2013 il Pd superava gli 8 milioni di voti, e la coalizione che sosteneva Pier Luigi Bersani più di 10 milioni. Nel 2018 il Pd di Renzi supera di poco i 6 milioni. Oltre due in meno rispetto ai “vecchi dirigenti”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elezioni 2018, andiamo a governare. Per perdere

prev
Articolo Successivo

Elezioni, in Veneto la Lega cannibalizza Forza Italia. Anche in Friuli trionfo del centrodestra

next