Luca Guadagnino porterà a casa un Oscar con il suo Call me by your name? Il regista è candidato a quattro statuette (Miglior film, Miglior attore protagonista, Miglior sceneggiatura non originale e Miglior canzone) e nei giorni scorsi si è lasciato andare a qualche commento durante il Los Angeles, Italia – Film Fashion and Art Fest, l’evento che nella settimana che precede l’assegnazione degli Academy Awards. “Sono tranquillo, contento, stanco, felice di incontrare le tantissime persone che ho conosciuto in questa ultima annata per me incredibile”, ha detto il regista. Che ha poi aggiunto: “La cosa più sorprendente è stata la grande ondata emotiva che il film ha ricevuto e le bellissime lettere che mi hanno scritto a centinaia”. Ma quali sono i film che si prenderanno la scena in questa attesissima notte degli Oscar, secondo lui? “Il mio preferito è Il Filo Nascosto di Paul Thomas Anderson, ma penso che vincerà La Forma dell’Acqua anche se non sottovaluterei Get Out – Scappa, potrebbe sorprendere tutti”

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Oscar 2018, la più sexy sul red carpet? Si ‘scommette’ su Margot Robbie: “Il suo abito passerà alla storia”

next
Articolo Successivo

Cancro al seno, parlano 200 donne malate: “Non siamo fighe, siamo rottami. Chiediamo una miglior qualità della vita (e una comunicazione giusta)”

next