Chi vincerà come miglior attore nel 2019? Con l’assegnazione automatica a Gary Oldman dell’Oscar edizione 90, l’unica sfida interessante per la categoria di leading actor slitta al prossimo anno. Un paradosso? Quasi, ma non così raro. Era accaduto – ad esempio – con Helen “The Queen” Mirren nel 2007 o con Meryl “The Iron Lady” Streep nel 2012: rastrellamento di quasi ogni “award” planetario. Forse che le massime icone britanniche esercitano un’attrazione fatale sull’Academy? O, più  semplicemente, che per interpretarle i migliori attori in circolazione identificano tali ruoli come quelli della vita (Streep esclusa, forse). Il fatto resta che il Winston Churchill restituito da Gary Oldman non ha rivali e riesca a illuminare le oscurità de L’ora più buia (film non memorabile) di Joe Wright con un carisma di rara mimesi e potenza. Oldman, 60 anni il 21 marzo e già candidato nel 2012 per La talpa, è dato da bwin con 1,03: la quota più bassa di ogni categoria di questa edizione per chi dovesse scommettere sulla sua vittoria.

Oscar 2018, miglior attore protagonista: da Gary Oldman (super favorito) a Sir Daniel Day-Lewis. Ecco i candidati

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Diego Abatantuono ospite del Fatto.it. Rivedi la diretta

next
Articolo Successivo

Oscar 2018, la corsa per il miglior film: poche speranze per Guadagnino, se la giocano McDonagh e del Toro

next