Diciamolo subito, per Luca Guadagnino e il suo Chiamami col tuo nome non c’è speranza. Nemmeno la sorpresa delle buste sbagliate 2017 potrebbe far riemergere dal cilindro dell’Academy il notevole film girato in terre lombarde che tanto esalta il nazionalismo cinematografaro. L’Oscar per il miglior film 2018 è oramai solo una questione interna tra due contendenti (su nove candidati): Tre manifesti ad Ebbing, Missouri di Martin McDonagh e La forma dell’acqua di Guillermo Del Toro. Per il film diretto da Guadagnino, candidato a quattro premi Oscar (non quello per la regia, purtroppo), è molto probabile il riconoscimento massimo per la miglior sceneggiatura non originale di James Ivory e stop. Per il resto bisogna attendere il responso di un sistema di voto che a confronto il Rosatellum è una passeggiata. Essendo otto i contendenti in lizza per l’Oscar come miglior film, i circa 6000 giurati dell’Academy votano con un sistema di preferenze. Insomma stilano una classifica dei loro titoli preferiti. Sistema che richiede un continuo riconteggio di seconde e terze scelte che, almeno negli ultimi due anni, ha portato ad un effetto suspense degno de Il silenzio degli innocenti con le vittorie all’ultima curva di Spotlight mentre trionfava Alejandro Gonzalez Inarritu col suo The revenant, e quella di Moonlight mentre La La Land di Damien Chazelle danzava sull’orlo del precipizio.

Oscar 2018, la corsa per il miglior film: poche speranze per Guadagnino, se la giocano McDonagh e del Toro

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Successivo

Oscar 2018, miglior regia: vincerà del Toro ma noi tifiamo per Nolan e PT Anderson

next