Burian, il freddo vento siberiano che ha portato neve e gelo sull’Italia, sta causando grossi problemi alla circolazione ferroviaria. Emblematico è il caso del treno Intercity partito da Reggio Calabria che ha impiegato oltre 29 ore per arrivare a Torino. Trenitalia fa sapere che finora, nella sola giornata di martedì, sono 43 i treni dell’alta velocità cancellati per il piano di emergenza messo in atto dopo l’ondata di maltempo: 11 i convogli in partenza cancellati sia da Milano Centrale (dove, dopo lunghe code alle biglietterie, in molti sono rimasti bloccati in stazione a causa di convogli ormai pieni o cancellati lungo la direttrice Nord-Sud) che da Napoli, 8 invece da Roma Termini e Torino Porta Nuova. Due i treni cancellati in partenza da Palermo, ed uno – ognuno – da Ancona, Taranto e Lecce. Ritardi anche sulla linea adriatica, sulla direttrice Ancona-Bari. È confermato anche per oggi il rimborso integrale del biglietto a chi dovesse rinunciare al viaggio.

Roma – La situazione nelle stazioni di Termini e Tiburtina sta progressivamente tornando alla normalità, dopo essere andata in tilt ieri a causa della neve: al momento circola l’80% dei treni dell’alta velocità e il 50% dei regionali. I ritardi dei treni in partenza e in arrivo nella Capitale sono contenuti ma persistono i disagi per i pendolari sulle linee ferroviarie regionali del Lazio. La circolazione è ridotta di circa il 50%. Particolari problematiche si rilevano sulla Roma-Formia-Napoli a causa della forte nevicata che ha colpito il capoluogo campano. Regolare il servizio Leonardo Express, che collega il centro della Capitale con l’aeroporto di Fiumicino.

Napoli – Nel nodo ferroviario di Napoli la circolazione è in graduale ripresa dopo che questa mattina era stata bloccata dalla neve che ha imbiancato la città. Per le corse ferroviarie che attraversano l’area partenopea, sono previste limitazioni nell’offerta ordinaria. Fino alle 14 alcuni treni a lunga percorrenza diretti e provenienti da Salerno e oltre non raggiungeranno Napoli Centrale facendo fermata a Villa Literno, da dove i viaggiatori potranno raggiungere il capoluogo con i treni regionali. Per tutto il giorno i treni alta velocità provenienti o diretti a Napoli, Salerno e oltre non entreranno a Termini, facendo però fermata e svolgendo servizio di salita e discesa viaggiatori a Roma Tiburtina.

Intanto, il Codacons ha presentato un esposto a 104 Procure in tutta Italia sui forti disagi nel trasporto ferroviario verificatisi lunedì:”Dopo le indagini chieste dal ministro dei Trasporti Graziano Delrio, sul caos ferroviario che nelle ultime ore ha devastato il paese sarà la magistratura ad intervenire – informa una nota dell’associazione a difesa dei consumatori- il Codacons chiede di aprire inchieste sul territorio per accertare cause e responsabilità dei pesantissimi disagi ferroviari che hanno interessato tra ieri e oggi il Paese”. “Le Procure dovranno indagare per interruzione di pubblico servizio verificando le inefficienze dei gestori ferroviari – afferma il presidente dell’associazione consumatori Carlo Rienzi – è intollerabile che maltempo e basse temperature possano mettere in ginocchio l’intero settore dei trasporti su rotaie”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Scippo di Stato

di Daniele Martini 12€ Acquista
Articolo Precedente

Profughi, corridoio umanitario con l’8xmille. Bambini a Fiumicino, Galantino ai “politici sciacalli”: “Guardateli negli occhi”

next
Articolo Successivo

Alassio, prete condannato per pedofilia in via definitiva. Ma tribunale ecclesiastico lo assolve: “Innocente, celebri messa”

next