“L’agente provocatore? Personalmente non credo sia uno strumento utile, penso sia molto pericoloso e discutibile. Lo ha detto anche Cantone, ci sono altri strumenti e bisognerebbe tenere alto sempre il confine su queste cose ma ovviamente ne discuteremo. Su De Luca c’è una inchiesta della magistratura, De Luca jr si è dimesso da assessore e ora vedremo gli sviluppi. Sul governatore, ogni volta che si parla di lui c’è sempre una strumentalizzazione e aggressione politica eccessiva. C’è una indagine in corso che riguarda il figlio e vedremo gli sviluppi. De Luca ovviamente è diverso da me, lui ha quelle modalità di comunicazione ma capisco la reazione di uno che si sente sempre sotto attacco. E’ stato presentato come un incandidabile per processi nei quali poi è stato assolto”. Così Matteo Orfini a margine di un convegno promosso da Confprofessioni a Roma torna sull’inchiesta di Fanpage e in merito alla questione rifiuti

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Inchiesta Napoli, Di Maio: “Campania deve ritornare al voto. Vergognose le minacce ai giornalisti”

prev
Articolo Successivo

Estremismo, Bonino: “Proposta Boldrini? Va combattuta la violenza. Non credo all’abolizione giuridica”

next