Dopo i casi dei professori indagati e arrestati a Roma e Riccione, che sono accusati di aver abusato delle loro studentesse minorenni, è arrivata la stretta che riguarda “comportamenti e molestie a carattere sessuale”, come si legge nel nuovo contratto degli insegnanti.

Riporta La Repubblica che saranno sufficienti sms a sfondo sessuale accertati o avances denunciate a scuola perché un docente venga licenziato. La nuova norma vale “anche dove non sussista la gravità o la reiterazione dei comportamenti”. Il professore potrà tornare il cattedra se riconosciuto innocente nei tribunali.

Intanto è in arrivo, entro luglio, un codice etico degli insegnanti sull’uso dei social per comunicare con gli studenti e sarà collegato alle sanzioni disciplinari. Saranno previste misure per chi fa un uso improprio, quindi un uso non educativo, dei social network e/o dei canali di comunicazione informatici per relazionarsi con gli studenti.