“Il tuo amore me lo devi dimostrare. Puoi farmi vedere quello che sai fare, ma senza farlo sapere. Basta che non ci vedano“. È uno dei messaggi vocali inviati da un professore a una studentessa 15enne di un istituto superiore di Riccione. Il docente 46enne di Pesaro è stato arrestato martedì mattina dalla polizia lungo il percorso per raggiungere la scuola superiore dove stava andando a lavorare: è accusato di atti sessuali con minorenne. La vicenda era stata denunciata nei giorni scorsi, proprio dopo che erano stati scoperti alcuni file audio con richieste esplicite inviati alla 15enne.

“Basta che non ci scopra nessuno” era l’unica avvertenza del professore. I messaggi, poi girati dalla ragazza ad altre studentesse, sono finiti quindi nelle mani di alcune mamme e del preside dell’istituto che ha segnalato la vicenda alla polizia. Dai file audio si riconoscerebbe la voce del docente e di fronte agli agenti della questura di Rimini, scrive l’Ansa, la 15enne ha ammesso di avere una relazione sentimentale  con il prof da tempo.

Gli investigatori hanno poi portato avanti le indagini, non basandosi solo sui file audio, ma anche sulle testimonianze delle amiche della ragazzina, degli altri studenti, giovani tra i 16 e i 18 anni, e quelle dei genitori. Nell’inchiesta è spuntato un altro testimone, scrive Il Resto del Carlino, un alunno della stessa scuola che avrebbe raccontato agli inquirenti che non era la prima volta che l’insegnante in questione aveva una storia con una studentessa. In questi giorni il professore era rimasto regolarmente in servizio, senza essere sospeso.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Palermo, colpo al clan specializzato in estorsioni. Sei fermati: c’è anche Paolo Liga che teneva i contatti con Messina Denaro

prev
Articolo Successivo

Sassari, in “ostaggio” del treno: il cancello è di fronte al passaggio a livello, per entrare a casa serve il nulla osta di Rfi

next