E chi se lo aspettava? RaiDue puntava molto su “Le Spose di Costa”, il nuovo format (originale e non importato dall’estero, una volta tanto) condotto da Costantino Della Gherardesca. L’idea, sulla carta, era pure figa: il conduttore che si sposa con quattro celeb (Elisabetta Canalis, Paola Ferrari, Eleonora Giorgi e Valeria Marini: ognuna protagonista di una puntata) in altrettanti Paesi per conoscerne usi, costumi e quotidianità. Anche in video sembrava funzionare. Eppure? Eppure il responso del pubblico per la terza puntata in onda giovedì 25 gennaio, quella con l’ex Lolita del cinema italiano in Georgia, è stato quasi impietoso: 2,71% di share e 690 mila telespettatori. A chi scrive dispiace utilizzare un termine così forte come ‘impietoso’, ma – come dicono quelli che masticano di tv – “il pubblico è sovrano” e ha deciso di non sposare il format della rete diretta da Andrea Fabiano.

“Eh ma c’era Don Matteo su RaiUno”, dirà qualcuno: è vero, quando è in onda la serie con Terence Hill agli altri rimangono solo le briciole e questo avrà influito senz’altro sull’esito finale. Ma da accontentarsi di un buon risultato a finire al fanalino di coda delle tv generaliste (settima rete nazionale, ieri) ce ne passa.

Continua così la stagione poco brillante di Costantino. Il fiorentino è un padrone di casa sempre originale, ironico, arguto, diverso da tutti gli altri. Proprio per questo, ci si aspettava la sua consacrazione a volto di punta della seconda rete di Stato con cinque programmi in onda su dieci mesi di programmazione. Per i più distratti, si ricordano “Pechino Express”, “Secondo Costa”, la parentesi a “Sbandati”, “Le spose di Costa” e, dal 20 marzo, pure “The Voice” con Al Bano, J-Ax, Francesco Renga e Cristina Scabbia in giuria. Il coraggio di scommettere su un volto di rete al passo coi tempi è davvero ammirevole, ma la sovraesposizione non fa bene a nessuno. Neanche ai migliori.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Masterchef Italia 7, il programma di Sky mostra segni di stanchezza? La soluzione c’è (e in parte si chiama Italo)

next
Articolo Successivo

Sanremo 2018, la serata dei duetti: ecco chi saranno gli ospiti dei cantanti in gara

next