Scene da sommossa, con risse e accapigliamenti, quelle che si sono viste questa mattina in diversi supermercati della catena Intermarché della Loira. Una vera e propria “catastrofe”, l’hanno descritta i dipendenti dei negozi presi d’assalto. Motivo di tanta agitazione: vasetti di Nutella da 950 grammi a solo 1 euro e 41 centesimi, con quasi il 70% di sconto.

Nel negozio L’Horme – come racconta il sito de ‘Le Progress’ – tutta la merce in offerta è sparita in un quarto d’ora. “Cercavamo di metterci anche noi in fila tra i clienti ma ci spingevano e spintonavano”, lamenta un dipendente, raccontando che un cliente ha riportato un occhio nero nella rissa tra la folla. Stessa cosa per il punto vendita di Saint-Chamond. “E’ stata una battaglia. Abbiamo venduto quantitativi che vendiamo in tre mesi. Sui banconi delle casse c’era solo Nutella”, testimonia un altro dipendente, che assicura di non aver mai visto scene del genere in sedici anni di lavoro.

A Rive-de-Gier, molti clienti, fuori dal supermercato hanno ripreso le scene con i loro telefoni cellulari: “Sembravano animali feroci. Una donna è stata strattonata per i capelli, mentre una signora anziana è stata colpita alla testa con un’intera confezione di barattoli, un altro aveva sangue su una mano. È stato orribile”, testimonia un cliente che ha assistito alla scena.

“Alcuni si sono messi in fila molte ore prima, nella notte, per accaparrarsi un quantitativo di vasetti di Nutella”, dice Jean-Marie Daragon dell’Intermarché di Montbrison. Il direttore è stato costretto a ‘contingentare’ a tre il numero di barattoli a persona, ma invano. La gente continuava a spingere e correre avanti e indietro. Nonostante tutto questo, l’operazione di maxisconti continuerà domani e sabato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Julian Assange, salute in “pericolo”. Il presidente ecuadoriano: “E’ come avere un sassolino nella scarpa”

next
Articolo Successivo

Davos, Trump ai palestinesi: ‘Niente fondi se non tornate al tavolo dei negoziati’

next