UN SACCHETTO DI BIGLIE di Christian Duguay. Con Dorian Le Clech, Batyste Fleurial, Patrick Bruel. Francia 2016. Durata 112’ Voto 4/5 (DT)

Parigi 1940. Joseph e Maurice, due bambini di famiglia ebraica, fuggono dalla persecuzione nazista antisemita, spronati da padre e madre, a loro volta in fuga, separatamente dagli altri tre figli più grandi, verso il Sud della Francia. Un sacchetto di biglie in estrema sintesi è questa storia qui: tragicamente semplice, magari anche già sentita da qualche parte, tratta comunque da un romanzo pubblicato in Francia nel 1973. Il canadese Duguay ne trae invece un adattamento ai limiti della perfezione dove convivono, in armonia e rispetto, epicità della fuga e senso dell’avventura con l’esposizione senza infingimento dello sterminio ebraico e l’esposizione veritiera di barbari episodi storici della Francia occupata (deportazione, fucilazione di partigiani, sadismo dei collaborazionisti e relativa violenta vendetta della Resistenza). La scelta di raccontare la storia solo dal punto di vista dei due ragazzini fuggiaschi, escludendo voci fuori campo e sottotrame impossibili, affidandosi così al moto in avanti del rocambolesco e continuo tentativo di sopravvivenza dei due, scansa qualunque retorica sull’argomento e dona una forza espressiva dirompente ed omogenea all’intera opera dal primo all’ultimo minuto di film.

Film in uscita al cinema, cosa vedere e cosa non vedere nel finesettimana del 20 e 21 gennaio

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

L’uomo del treno – The Commuter, il “pendolare” Liam Neeson ritorna in un action movie da adrenalina pura

prev
Articolo Successivo

Ella & John, al cinema il nuovo film di Paolo Virzì. Il regista ospite del Fatto.it: “Gli attori? Hanno accettato in due giorni”

next