Io non ho paura di niente e ho scoperto che non ho paura neppure di morire”. Nadia Toffa si racconta a Verissimo con un’intervista esclusiva dopo il malore che l’ha colpita lo scorso 2 dicembre. “Ho avuto solo paura per i miei genitori, le mie sorelle, i miei amici perché non erano pronti a perdermi. I miei genitori in rianimazione cercavano di darmi sicurezza, di tranquillizzarmi, ma io capivo che erano preoccupatissimi”, ha detto ancora Nadia a Silvia Toffanin. E quando la conduttrice le chiede come sta, Nadia chiarisce anche quanto le è successo: “Sto benissimo, meglio di prima, perché queste cose servono a far rivalutare la vita. Un evento all’apparenza brutto, (i giornali hanno scritto che stavo addirittura morendo), invece, mi ha fatto scorrere ancora di più la vita nelle vene. Non ho mai rischiato di morire, ma finché sei lì in rianimazione e non fanno tutti gli accertamenti, non lo sai. Su suggerimento di un mio collega ho anche pregato, ripetendo le preghiere che sapevo e mi sono ricordata”. Ringrazia i tanti fan che l’hanno sostenuta, la conduttrice de Le Iene, e annuncia: “Torno in diretta dall’11 febbraio. Non vedo l’ora di rivedere tutti”.

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Novello Novelli morto, la figlia dell’attore: “Conti e Pieraccioni hanno diffuso la notizia ma non si fanno vivi da dieci anni”

prev
Articolo Successivo

Assange “non si lava”: per questo l’Ecuador lo vorrebbe far uscire dalla sua ambasciata a Londra

next