“Cancelleremo norme Lorenzin. Vaccini sì obbligo no. E via la tassa assurda sulle sigarette elettroniche“. Lo scrive su twitter il leader della Lega Matteo Salvini. A stretto giro arriva la replica della ministra uscente della Sanità Beatrice Lorenzin, che guida la lista Civica Popolare (alleata del Pd): “La Lega sui vaccini mostra di essere peggio che populista. Ma di perseverare nell’estremismo dell’incompetenza. La posizione di Salvini e di altri massimi esponenti della Lega che oggi dichiarano come primo provvedimento di voler abolire l’obbligatorietà vaccinale è uguale a quella del Movimento 5 Stelle“. “La Lega – sottolinea Lorenzin – gioca per qualche voto in più, sulla salute degli italiani, sulla salute dei nostri figli, rischiando di continuare a perorare una causa no vax che mette seriamente a rischio le campagne di informazione scientifiche e sanitarie. L’Italia va vaccinata dagli incompetenti“.

In realtà la questione vaccini diventa già il primo problema all’interno della coalizione. Abolizione dei vaccini? “Non credo proprio” risponde Paolo Romani che non è solo capogruppo di Forza Italia al Senato appena sciolto, ma è uno dei delegati del partito al tavolo del programma. Fi, spiega romani a LaPresse, “ha lavorato largamente per migliorare la legge proposta dal ministro Lorenzin. Abbiamo ridotto a 10 i vaccini obbligatori e posti altri facoltativi. Io ritengo che per alcuni vaccini l’obbligatoriertà debba assolutamente rimanere”. Secondo Romani infine “la campagna mediatica dei no-vax, fondata su notizie assolutamente non verificate, è una pratica pericolosa”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Berlusconi: “Toglieremo il Jobs Act, ha dato spinta solo ai contratti a termine”. Renzi: “Lui ha fallito la prova di governo”

next
Articolo Successivo

Debito Roma, l’assessore Lemmetti: “Governo uscente non nomini un nuovo commissario. Incarico alla Raggi”

next