Oltre alla tradizionale calza, quest’anno la Befana porterà anche tanta neve e una nuova ondata di maltempo. Al Nord, sulle Alpi, sono attesi altri due metri di neve e fino a martedì 9 gennaio sopra quota 1200 metri potrebbero verificarsi anche vere e proprie bufere di neve. Ma a preoccupare è il pericolo valanghe: solo alle 12 di venerdì è stata riaperta la strada regionale della Valtournenche, che collega Breuil e Cervinia. La cittadina aostana era isolata da ieri, quando la strada era stata chiusa in via precauzionale per pericolo valanghe. Ma l’apertura non è definitiva: si tratta solo di una finestra che si chiuderà alle 17. E anche oggi molti impianti sciistici sono rimasti chiusi per l’allerta valanghe, compresi quelli del Cervino.

Le previsioni parlano di un’Italia spaccata in due per il weekend dell’Epifania: al Centro e al Sud il clima sarà quasi primaverile, con temperature che, in alcune zone, sfioreranno i 20 gradi grazie ai venti di scirocco in arrivo.

Intanto al Nord sorvegliate speciali sono proprio le valanghe. In Valle D’Aosta e in Alto Adige il rischio resta elevato, grado 4 su 5. La neve fresca e le temperature di qualche grado al di sopra della media del periodo contribuiscono ad innalzare l’allerta. La situazione rimane critica per il possibile distacco spontaneo di valanghe anche di grandi dimensioni già con un debole sovraccarico. Per questo motivo sono state chiuse molte strade di montagna: in Alto Adige sono stati chiusi in alcuni tratti il passo dello Stelvio e la statale Solda, oltre alla provinciale Resia che porta a Roja, in Alta Val Venosta. In Lombardia chiuso il passo Gallo, che da Livigno unisce Valtellina e Svizzera.

Quella del rischio valanghe non è la sola situazione monitorata. A partire dal 7 gennaio sono attesi forti nubifragi su tutto il Nord e la Toscana e, per il rischio frane, in Liguria è stata chiusa provvisoriamente l’Aurelia tra Sestri Levante e Cavi di Lavagna, in provincia di Genova, a causa di alcuni massi che si sono staccati dal costone roccioso. E in queste ore la situazione è problematica anche nel Sud Italia: in Sicilia, l’autostrada Catania-Messina ha subito delle interruzioni a causa della caduta, dovuta al forte vento, di diversi alberi. In Calabria il traffico ferroviario sulla linea ionica si è fermato due volte, sempre a causa di alberi sradicati dal vento, provocando pesanti rallentamenti e cancellazioni per treni regionali e intercity.

Problemi ai collegamenti marittimi con la Sardegna si sono verificati nel corso della giornata: il vento e di conseguenza la forza del mare ha impedito questa mattina al traghetto Sardinia Ferries proveniente da Livorno di attraccare a Golfo Aranci: la nave è stata dirottata a Olbia. Disagi anche a Porto Torres, dove una nave Tirrenia proveniente da Genova ha accumulato circa 90 minuti di ritardo. Sempre nel Nord della Sardegna è stato il personale della Capitaneria di porto della Maddalena ha recuperato una coppia di diportisti romani, sorpresi da condizioni meteo proibitive a circa 20 miglia ad Est della Corsica.