Consumato il tradimento di Scianel e con Genny sul punto di perdere tutto, il suo potere e la sua famiglia, si chiude domani sera la terza stagione di Gomorra – La serie. È arrivato il momento degli attesissimi ultimi due episodi della produzione originale Sky realizzata da Cattleya, che saranno in onda venerdì 22 dicembre dalle 21.15 su Sky Atlantic HDSky Cinema Uno HD e disponibili dalla stessa ora anche su Sky On Demand. Intanto è ufficiale che la quarta stagione della serie ispirata dal best-seller omonimo di Roberto Saviano è attualmente in fase di scrittura.

Dopo la rivelazione di Scianel (Cristina Donadio) a O’Sciarmante, si scopre finalmente che dietro a Sangue Blu non c’è solo Ciro Di Marzio (Marco D’Amore), ma anche Genny Savastano (Salvatore Esposito). Intanto Azzurra (Ivana Lotito) e il piccolo Pietro sono finiti nel mirino dei Confederati…

Nell’undicesimo episodio Genny, per salvare la moglie e il figlioletto, è costretto a elaborare un piano segreto le cui variabili sono infinite. Se qualcosa, infatti, andasse storto perderebbe tutto ciò che gli appartiene: il suo potere e la sua famiglia.

Nel dodicesimo e ultimo episodio Ciro, Genny ed Enzo (Arturo Muselli) siglano la pace con i Confederati, ottenendo per sé parte dei territori del centro di Napoli. Ma mentre le mani si stringono per suggellare il patto, qualcuno nell’ombra trama per mandare tutto all’aria. Dimostrando ancora una volta che la pace ottenuta col sangue porta solo altro sangue. 

A partire dalle 19.50, inoltre, prima degli ultimi due episodi, andrà in onda su Sky Atlantic HD lo speciale “Making History: Gomorra Dietro Le Quinte“, che raccoglie i momenti salienti delle tre masterclass organizzate da Sky e Fondazione Feltrinelli per raccontare le figure professionali dietro al successo di Gomorra – La serie: la scrittura con Leonardo Fasoli e Maddalena Ravagli, casting, costumi e scenografie, rappresentati rispettivamente da Laura Muccino, Veronica Fragola e Paki Meduri e, quindi, la regia con Francesca ComenciniClaudio Cupellini.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Il cibo del futuro? Si modellerà con la stampante 3d. Uno speciale di Sky mostra cosa mangeremo domani

prev
Articolo Successivo

Antonia Klugmann, la giudice che riporta un po’ di severità a Masterchef: “Questa è più stronza di Cracco”. Ma poi si emoziona

next