Dopo la sospensione dei carabinieri Alessandro Sessa e Giampaolo Scafarto, già indagati in un filone dell’inchiesta Consip e ora accusati di depistaggio per aver distrutto prove utili agli inquirenti su Whatsapp, è stato il segretario Pd Matteo Renzi a tornare sul tema: “Leggo quello che accade, è evidente che questa storia non finisce qui, perché è una vicenda enorme“, ha spiegato Renzi a Roma, nel corso della presentazione del libro di Annalisa Chirico, “Fino a prova contraria“, organizzata all’università Luiss Guido Carli. Per poi ribadire, in una sala mezza vuota e con pochi studenti: “Se qualcuno ha tradito il giuramento allo Stato è giusto che paghi, ma ci sono i magistrati per verificarlo. Questa vicenda io la seguo con l’atteggiamento neutrale e serio di chi dice: andate avanti e vediamo chi ha ragione o torto”. Renzi ha poi lasciato la sala senza rispondere alle domande dei cronisti
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lega Nord, la sindaca di Cascina Ceccardi: “E’ giusto che i medici calabresi siano pagati meno perché sono meno bravi”

prev
Articolo Successivo

Alternativa Popolare, il partito si scioglie: “È una separazione consensuale”. Per ora i gruppi parlamentari restano uniti

next