Ormai la spaccatura, più volte nascosta e rinviata, è di fatto ufficiale. Seppure Alternativa popolare si sia data un’altra giornata per prendere tempo ed evitare faide turbolente, dopo la scelta di Angelino Alfano di non ricandidarsi, la frattura è sancita. Un “liberi tutti”. Filorenziani – come Beatrice Lorenzin e Fabrizio Cicchitto – da una parte, verso una lista in appoggio al centrosinistra. Altri, invece, considerano conclusa l’esperienza con il partito di Renzi, con diverse sfumature. C’è il coordinatore Maurizio Lupi che insiste nel tentare la strada solitaria, puntando a superare la soglia del 3%: “Serve una proposta seria, moderata, liberale, alternativa al Pd”, spiega. Altri, come Formigoni e l’ala lombarda tornano a strizzare l’occhio verso il centrodestra e Forza Italia: “Secondo me contiamo più del 2%, dobbiamo costruire un’alleanza che si ispiri ai valori del Ppe. E ricostruire una gamba moderata dello schieramento di centrodestra”, ha spiegato. Il rischio concreto, di fatto, è ormai che il partito vada in ordine sparso. Con tante microscissioni

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sondaggi, Pd sul filo del 23. Grasso oltre la somma Mdp più Si. Scissione tra elettorati di “sinistra” e “centrosinistra”

next
Articolo Successivo

Vitalizi, salta il taglio. Sposetti (Pd) soddisfatto: “Ddl Richetti? Fatto sapendo già che Consulta l’avrebbe bocciato”

next