“Non costituisce reato“. Con questa motivazione il Tribunale di Milano ha assolto 7 nomadi romeni per l’occupazione di un terreno di via Cima a Milano con la loro baraccopoli. I giudici hanno probabilmente riconosciuto l’esimente dello stato di necessità e dell’assenza di alternative che ha spinto otto famiglie ad insediarsi abusivamente sul terreno. Il legale della Comunità di Sant’Egidio che ha difeso i sette durante il processo, aveva invocato infatti per loro lo stato di necessità, “per salvaguardare il diritto fondamentale all’abitazione e per poter riparare sé stessi e le famiglie con bambini, senza causare danni a nessuno”, in un terreno che era – ed è tuttora – inutilizzato.

“La sentenza – dichiara la Comunità di Sant’Egidio, che dal 2011 segue le famiglie – è importante perché è un forte ‘stop‘ alla criminalizzazione della povertà. Le otto famiglie vivevano nelle baracche non per scelta ma per la povertà e l’assenza di alternative”. La baraccopoli era abitata da otto famiglie con minori, tutti iscritti regolarmente a scuola, dall’asilo nido alle superiori, ed era stata sgomberata il 15 marzo 2015, contestando agli occupanti il reato di “invasione di terreni ed edifici” compiuto “insediandosi all’interno di baracche fatiscenti utilizzate come dimora abituale”.

Oggi, con il sostegno di Sant’Egidio, tutte le otto famiglie vivono in casa, continuano la scolarizzazione dei figli e in ciascuna almeno un componente lavora. “La povertà non si sconfigge con le ruspe o le denunce che intasano i tribunali, ma con seri progetti di accompagnamento sociale” sottolinea la Comunità di Sant’Egidio.

 

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

×
Articolo Precedente

Contraccezione, l’appello dei ginecologi: “Pillole, spirali e preservativi devono essere gratis”

prev
Articolo Successivo

Donne che hanno rotto il silenzio, perché per il Time non sono “piagnone”

next