Il nuovo presidente dell’Eurogruppo è il ministro dell’Economia portoghese, Mario Centeno, già dato come favorito nelle settimane passate ì. L’elezione è avvenuta al secondo round di voto: Centeno era il candidato del Partito socialista europeo e contava già sull’appoggio di sette Paesi, tra cui l’Italia che si è accodata dopo l’esclusione dai papabili di Pier Carlo Padoan. Succede a Jeroen Djisselbloem, che lascerà la poltrona a gennaio 2018.

In corsa per il ruolo di presidente dell’Eurogruppo c’erano i ministri delle Finanze di Lettonia, Dana Reizniece-Ozola, Lussemburgo, Pierre Gramegna, Portogallo, Mario Centeno, e Slovacchia, Peter Kazimir. Nella prima votazione nessuno aveva ottenuto la maggioranza necessaria e, al termine del voto, la candidata lettone, Dana Reizniece-Ozola aveva deciso di ritirarsi dalla corsa. I 19 ministri dell’economia della zona euro potevano esprimere una sola preferenza ciascuno per ogni turno di voto, fino ad un massimo di sette.

Mi candido alla presidenza dell’Eurogruppo in nome del “consenso tra i ministri delle Finanze dell’Eurozona”, aveva dichiarato Mario Centeno alla vigilia della votazione, “per perseguire un’agenda comune, non per conto dei Paesi del Sud contro quelli del Nord”. E a chi gli chiedeva se si fosse candidato in rappresentanza dei Paesi della fascia “sud” dell’area euro aveva risposto così: “Non mi piace rappresentare così la mia candidatura: è importante realizzare che l’Europa è una grande società, una grande economia, una grande unione monetaria, il più grande mercato unico del mondo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Brexit, vicina intesa sull’Irlanda del Nord ‘Resterà nel mercato unico e nell’unione doganale’. Scozia: ‘A noi stesse condizioni’

next
Articolo Successivo

Brexit, vertice tra Juncker e May: “C’è l’accordo per l’uscita”. Ai cittadini Ue si applicherà diritto britannico

next