Un necrologio per ricordare la morte del boss pubblicato sul principale quotidiano della Regione. Anche quest’anno è finito sul Giornale di Sicilia il necrologio di Francesco Messina Denaro, il padre del boss latitante Matteo Messina Denaro, morto il 30 novembre 1998 a Castelvetrano, in provincia di Trapani. Il necrologio – firmato anche questa volta “I tuoi cari” –  è sempre lo stesso da anni, con il nome di Francesco Messina Denaro scritto al centro in grassetto e la data di morte a sinistra e quella di oggi a destra.

Un messaggio sempre più sobrio rispetto a quelli del passato, quando le frasi usate per il ricordo di Francesco Messina Denaro erano, ad esempio: “Ti vogliamo bene, Sei sempre nei nostri cuori” . O ancora: ”È tempo di nascere ed è tempo di morire ma vola soltanto colui che vuole e il tuo volo è stato per sempre sublime…”, citazione latina dall’Ecclesiaste e anche in questa occasione il saluto “In ricordo di te…I tuoi cari”. Messina Denaro senior morì, da latitante, il 30 novembre di 19 anni fa d’infarto. Il suo cadavere venne fatto ritrovare nelle campagne di Castelvetrano, vestito di tutto punto, pronto per le esequie. Il figlio, Matteo Messina Denaro, latitante dal 1993, è considerato la primula rossa di Cosa nostra, il capomafia erede di Totò Riina e Bernardo Provenzano. L’ultimo boss delle stragi ancora in libertà.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Aemilia, lo schizzo del pentito sullo schema della ‘ndrangheta: “Mondi paralleli che si incontrano senza un sole assoluto”

prev
Articolo Successivo

Stragi, il magistrato Donadio all’Antimafia: “A fare gli attentati del 1993 c’era anche una donna”

next