Como Senza Frontiere: ipocriti di mestiere!“. Questo il titolo del volantino di rivendicazione dell’associazione culturale Veneto Fronte Skinheads dopo il blitz all’assemblea della rete di associazioni e partiti pro migranti. “L’azione – si legge nel testo – è portatrice di una denuncia forte verso questa pletora di associazioni che, muovendosi nelle zone oscure del fenomeno migratorio, sono anni che ne favoriscono più o meno evidentemente la diffusione e lo sfruttamento”.

Parole lette da un militante di VFS davanti ad un pubblico impotente che ha ascoltato in silenzio, sentendosi nell’impossibilità di dissentire. Ilfattoquotidiano.it ha contattato i rappresentanti di Veneto Fronte Skinheads che accusano i media di aver travisato la loro azione: “Sulla stampa nazionale ci danno dei violenti – spiegano – ma non è così, siamo entrati nella sede di un’associazione ad un evento pubblico e pubblicizzato su Facebook. Non c’è stata alcuna aggressione, non c’è stata nessuna intimidazione. Anzi, la violenza la stiamo subendo noi, con la mistificazione continua delle nostre azioni e delle verità che portiamo”.

E in un secondo comunicato ribadiscono il concetto: “Ci rendiamo conto che la violenza perpetrata dalla lettura del nostro comunicato, è stata verso i vostri timpani che essendo talmente fragili si lacerano all’ascolto della verità”. La vertià a cui fanno riferimento da VFS è quella vergata nella loro rivendicazione che, dopo vari attacchi a chi si occupa di migranti “a scapito della comunità nazionale ormai aggredita”, si appellano all’amor patrio: “Per tutti voi, figli di una Patria che non amate più, siamo qui a ricordarvi che il proprio popolo si ama, non si distrugge. Basta invasione!”

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Acciaierie Piombino, Renzi: “Fatta una cazzata. Rossi e Landini vollero Rebrab”. Ma nel 2014 fa twittava entusiasta

next