Cinque condanne con pene che vanno dai cinque ai sedici anni di reclusione. È la sentenza emessa alla fine del processo con rito abbreviato per le infiltrazioni della camorra nel settore degli appalti e per commistioni con la pubblica amministrazione che vede imputati, tra gli altri, esponenti del clan Lo Russo attivo nell’area nord di Napoli. La sentenza è stata emessa oggi dal gup del tribunale di Napoli, Livia De Gennaro, che ha accolto le richieste dei pm Henry John Woodcock e Enrica Parascandolo. Al centro del processo le infiltrazioni negli appalti da parte della società Kuadra, che opera nel settore delle pulizie negli ospedali e che gli inquirenti ritengono di fatto gestita del clan attraverso propri affiliati.

Sedici anni sono stati inflitti a Giulio De Angioletti, otto anni a Vincenzo Lo Russo e Antonio Festa, cinque a Mario Lo Russo e Francesco Orrù. Assolti Rosario Baselice e Giuseppe Lo Russo. Il giudice ha riconosciuto la sussistenza del reato di associazione mafiosa. Una associazione – come contestato dai pm – dedita al condizionamento del mercato del lavoro (assunzioni in buona parte fittizie di appartenenti al clan Lo Russo), e che acquisiva attraverso la Kuadra appalti nella pubblica amministrazione, in particolare aziende sanitarie, grazie a collusioni con la pubblica amministrazione. Per altri imputati il processo si svolgerà con rito ordinario.

La Kuadra è una delle cooperative sanzionate dall’Antitrust nel gennaio del 2016 per gli appalti di pulizia nelle scuole della Consip. Secondo l’authority c’era “un’intesa segreta di tipo orizzontale” per “restringere la concorrenza” e “condizionare gli esiti della gara”. Un vero e proprio “cartello” che si è spartito una torta di oltre un miliardo e mezzo di euro di soldi pubblici, alle spalle dello Stato che con la gara Consip avrebbe dovuto risparmiare. Invece il Consorzio Nazionale Servizi, Manutencoop, Roma Multiservizi e Kuadra si erano messe d’accordo per dividersi i lotti, conservando il proprio portfolio di clienti nelle rispettive aree di interesse. Per questo erano state condannate a pagare una multa complessiva di oltre 110 milioni di euro. Il dossier dell’Antitrust era stato trasmesso alla procura di Roma, titolare dell’inchiesta sull’imprenditore Alfredo Romeo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Premafin, Salvatore Ligresti condannato a 5 anni per aggiotaggio

prev
Articolo Successivo

Rigopiano, la risata del dirigente della Provincia e il dipendente Anas: “Arrivare alla Spa? Ci andiamo a fare il bagno”

next