Nella giornata del Black Friday, per la prima volta i lavoratori dello stabilimento Amazon di Castel San Giovanni hanno incrociato le braccia. Protestano contro le condizioni di lavoro all’interno dello stabilimento e per gli orari di lavoro: “È un lavoro usurante – spiegano i lavoratori e le lavoratrici fuori dai cancelli – camminiamo chilometri ogni giorno e facciamo per otto ore gli stessi gesti”. Secondo fonti sindacali, alla protesta ha aderito il 50% dei lavoratori, ma quasi nessuno degli interinali ha aderito: “La loro paura giustifica la loro assenza” ha commentato il segretario della Fisasca Cisl Parma Francesca Benedetti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Amazon, al via lo sciopero nel centro distribuzione di Piacenza. Ma gli interinali non aderiscono e le consegne continuano

next
Articolo Successivo

Black Friday, ad Amazon si sciopera per le condizioni di lavoro: “Il picker deve correre, se sfora è segnalato al manager”

next