Anche Marco Castoldi, in arte Morgan, ha voluto dire la sua sulle delle denunce di molestie sessuali nel mondo dello spettacolo. Dalle colonne de Il Mattino si scaglia contro l’ex compagna Asia Argento: “Ma perché Asia e altre persone hanno denunciato le molestie solo adesso? – si chiede Morgan – Perché non l’hanno fatto prima, quando Harvey Weinstein era uno degli uomini più potenti del mondo? Improvvisamente ha passato dei guai e ora tutti gli si sono piombati addosso come avvoltoi. Adesso mi viene quasi da provare pietà per lui”.

Nell’intervista Morgan racconta che Asia Argento si era confidata con lui sulle molestie subite: “Certo che me ne aveva parlato, Weinstein era suo amico. Non so che dire, io sono completamente fuori da tutta questa questione, anche se trovo esagerato parlare di violenza. Le persone che vengono violentate hanno dei problemi seri con se stesse, hanno vergogna anche a parlare con la loro mamma. Le persone che subiscono violenze non ottengono guadagni da questo, come un posto di lavoro, hanno solo da perdere”. “Vorrei mantenere una certa eleganza, ma dico che non la denuncerò al tribunale dei minori dicendo che le porterò via la figlia perché una madre del genere non è tanto un buon modello” conclude Morgan facendo riferimento anche alla bambina nata dalla relazione con l’attrice.

Asia Argento, per parte sua, ha affidato la replica non certo tenera a Twitter:

 

 

L’attrice si rivolge poi anche al giornalista che ha realizzato l’intervista, che si era detto disponibile a parlare con lei.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Irene Ghergo: “Tornatore e Miriana? Sono rimasta sorpresa. Una donna può sempre ribellarsi e dopo 30 anni archiviare”

next
Articolo Successivo

Fabrizio Frizzi torna a scrivere su Facebook (per una nobile causa)

next