Una statua di bronzo per Bud Spencer che svetta nell’ottavo distretto di Budapest. E’ un modo per ricordare l’attore scomparso nel giugno del 2016 che, insieme a Terence Hill, è amatissimo in Ungheria fin dai primi anni ’80 quando la televisione del Paese ancora comunista cominciò a trasmettere i loro film. “Aveva una forza unificatrice, che ha creato una comunità di persone offrendo loro risate e gioia”, ha detto Mate Kovacs, il ‘sindaco’ dell’ottavo distretto di Budapest durante la cerimonia a cui hanno partecipato molti fan dell’attore italiano. “Era un bravo atleta – ha aggiunto ricordando i trascorsi di campione di nuoto di Carlo Pedersoli, classe 1929 – un bravo attore, un buon marito ed un buon padre“. Alla cerimonia di inaugurazione della statua – alta 1,4 metri e di 500 chili di peso – ha partecipato la figlia dell’attore, Cristiana Pedersoli che ha ricordato una frase del padre: “La mia carriera non sarebbe esistita senza i miei fan”.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sandy Gallard, finge un rapimento per passare un fine settimana con l’amante: condannata

next
Articolo Successivo

Paolo Fox, perché l’astrologo di RaiDue è in tendenza su Twitter?

next