Il lavoro di controllo su possibili impresentabili alle elezioni in Sicilia “non è terminato”. Lo ha detto Rosy Bindi, presidente della Commissione antimafia, a margine di un evento del Pd a Milano. “Quando sarà terminato lo renderemo pubblico. Rispetto alla volta precedente – ha chiarito Bindi – le procedure sono molto più lunghe perché la Procura nazionale antimafia non può fornirci i dati, come fece nelle elezioni precedenti, senza avere il parere favorevole di tutte le procure d’Italia”. Per questo, ha spiegato, “la nostra richiesta formale sarà quella di cambiare le leggi del procedimento elettorale: per poter valutare le liste, sia da parte della Commissione parlamentare antimafia, sia da parte delle commissioni elettorali, non possono bastare 24 o 48 ore ma è necessaria almeno una settimana per fare tutte le verifiche necessarie”. Rispondendo a una domanda dei cronisti, Rosy Bindi ha poi minimizzato le parole di Sandra Mastella, che vorrebbe le sue dimissioni: “Si dicono tante cose”, ha commentato

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elezioni Sicilia, dai debiti alle riforme flop fino all’emigrazione: le emergenze che si troverà sul tavolo chi vincerà le regionali

prev
Articolo Successivo

Elezioni Sicilia, affluenza definitiva al 46,7%. Lieve calo rispetto al 2012 quando votò il 47,4% degli aventi diritto

next