Non ci sono altri cinque anni di tempo. Domenica la Sicilia sceglie il suo nuovo governatore e non può sbagliare. Perché affidarsi a schieramenti infarciti di condannati, indagati e semplici voltagabbana, oltre che magari inetti, rischierebbe di essere una condanna definitiva per la Sicilia. E anche per l’Italia.

Davvero domenica in Sicilia si decidono le sorti del nostro Paese, almeno come fino a oggi abbiamo inteso l’Italia.

Non c’è più tempo per i fatalismi, la rassegnazione, il “tanto non cambia niente”. Ora o mai più: la Germania corre, la Francia con le sue imprese compra decine di società italiane. Le statistiche sull’economia, l’occupazione, l’istruzione e la sanità ci ricordano ogni giorno che l’Italia è indietro. Ma è indietro soprattutto il Sud. Perdere il Meridione, questo succederebbe se si sbagliasse ancora una volta la classe dirigente, sarebbe perdere l’Italia.

Non solo: sancirebbe ancor di più la divisione irrecuperabile tra Nord e Sud del Paese. Non passa giorno senza che le statistiche – oltre che la nostra esperienza di ogni giorno – ci ricordino l’enorme divario tra le due metà dell’Italia. Prendiamo soltanto oggi: a Milano il 54% dei certificati pubblici sono online, a Napoli zero. A Palermo il 12%.

Ancora: soltanto il 14% dei turisti stranieri va oltre Roma e visita il Sud. Che non è certo meno ricco di bellezza del Nord.

È una condanna per il Meridione. Ma rischia di trascinarsi a fondo anche il resto d’Italia. Soprattutto diventerà un elemento irrecuperabile di frattura tra i due poli del Paese. Oggi la distanza è soprattutto economica, ma dal denaro poi nascono divisioni sociali e culturali.

Non è ancora così, facciamo qualcosa prima di finire come Madrid e Barcellona. Il referendum in Veneto è un campanello d’allarme che non possiamo ignorare. Alcune delle rivendicazioni dei cittadini veneti – non tutte, e non i modi, magari – devono essere ascoltate. La solidarietà tra regioni non deve produrre, però, un’ingiustizia. Non deve premiare chi amministra male, chi arraffa.

Non si può abbandonare il Sud, questo è chiaro, ma non si può nemmeno continuare così. Non è una condanna del Meridione e della gente che ci vive. L’Italia senza Sicilia non esiste. Perché è forse la regione più bella del nostro Paese. Perché, ancor più, è parte fondamentale della nostra cultura, del nostro modo di sentire.

I punti di partenza, per sperare in un rilancio che cominci domenica, sono forse responsabilità e orgoglio. Due parole che sono tanto care alla gente di Sicilia. Responsabilità non come fardello e colpa, ma al contrario come consapevolezza del proprio valore. E poi orgoglio: il desiderio di non essere visti come rimorchio del Paese (sempre fanalino di coda in tutte le classifiche), ma come elemento trainante. È il posto che la Sicilia si merita.

Allora, però, non si possono più tirare in ballo le colpe dei borboni e dei Savoia. Come dicevano Sergio Rizzo e Gian Antonio Stella nel loro libro ‘Se muore il Sud’. Il destino della Sicilia dipende dal valore della classe dirigente che i siciliani si sceglieranno. Ecco la responsabilità: il destino della Sicilia è in mano agli elettori. Altri cinque anni di tempo non ci sono. Per loro e per tutta l’Italia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ostia, Picca (FdI): “C’è la mafia? Non lo so, lo dicano gli inquirenti. Qui tante persone perbene”

next
Articolo Successivo

Elezioni Ostia, nel X municipio sciolto per mafia non si parla di mafia: ‘Ma il litorale è dei clan, come la Sicilia degli anni ’80’

next