Il cavallo di Troia? Non era un cavallo. Contrordine: era una nave. A riscrivere una delle più leggendarie storie della mitologia greca è Francesco Tiboni, archeologo navale e ricercatore dell’Università di Aix-en-Provence e Marsiglia. Secondo un articolo pubblicato dallo studioso sulla rivista Archeologia Viva sul celebre cavallo di legno donato da Ulisse ai troiani si è consumato un errore di traduzione: per penetrare nelle mura di Troia non sarebbe stato usato un cavallo, in greco antico hippos, bensì un tipo di nave fenicia che veniva abitualmente chiamata “Hippos”.

L’equivoco millenario sarebbe nato nel VII secolo avanti Cristo da un errore nella traduzione dei testi successivi a Omero, ai quali si ispirò anche Virgilio per comporre l’Eneide. Tiboni spiega che l’inganno ideato da Ulisse e allestito dagli Achei fu messo in atto per mezzo di “una nave, piuttosto che di un cavallo”, per questo l’Hippos va identificato con un vascello e non con un quadrupede.

“Se, infatti, esaminiamo i testi omerici – scrive Tiboni – reintroducendo il significato originale di nave non solo non si modifica in alcun modo il significato della vicenda, ma l’inganno tende ad acquisire una dimensione meno surreale. È di certo più verosimile che un’imbarcazione di grandi dimensioni possa celare al proprio interno dei soldati, e che loro possano uscire calandosi rapidamente da portelli chiaramente visibili sullo scafo e per nulla sospetti agli occhi di chi osserva”. Insomma un cavallo di legno che nascondeva al suo interno i soldati greci non è mai esistito: neanche nei versi di Omero.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Che cosa significa per me Alda Merini

prev
Articolo Successivo

Dieci piccoli infami, Selvaggia Lucarelli esorcizza il passato prendendosi in giro come un consumato entertainer

next