Questo tour inizia nel centro-nord, dove quasi 2.000 lavoratori continuano a vivere sulla propria pelle (e nel proprio portafoglio) la differenza tra un tweet di giubilo di Matteo Renzi e la ripresa (vera) della produzione in una fabbrica: a Piombino gli altoforni dell’ex Lucchini non sbuffano e il futuro dei lavoratori è sempre più grigio. Dalla Toscana si scende nelle province di Avellino, alla ex Irisbus, e Potenza negli stabilimenti dove la Firema produceva i vagoni dei treni. Poi giù fino a Taranto, città simbolo dell’Ilva messa in sicurezza al prezzo di 4mila e più esuberi, oltre al gentile regalo dell’immunità penale per gli acquirenti fino a quando non verrà portato a termine il cronoprogramma dei lavori. Se nel frattempo l’aria del rione Tamburi dovesse continuare ad essere ammorbata dai veleni del siderurgico, i magistrati non potranno che fare spallucce. L’ultima fermata è in Sicilia, dove da anni si cerca il rilancio di Termini Imerese: “Ad oggi ci sono 120 operai al lavoro su 700”, dicono i sindacati. Gli altri continuano a campare grazie alla cassa integrazione straordinaria.

Il mantra del “made in Italy”, ma poi arrivano gli stranieri
Eccola la situazione delle principali crisi aziendali italiane, sorvolando sulle turbolenze di Alitalia la cui vendita è stata da poco rimandata a dopo il voto. Quello che è mancato davvero – sostengono i rappresentanti dei lavori – è una visione d’insieme: “Quando Renzi poteva dare un indirizzo di politica industriale come presidente del Consiglio non lo ha fatto”. Si è limitato a interventi spot seguiti a breve da dichiarazioni di successo: tutto risolto. Ma non lo era. Adesso c’è un nuovo mantra, la difesa dell’italica industria. Lo scorso 17 ottobre ha detto a Narni: “No a consegnarsi mani e piedi a stranieri”. Il 26 ha ribadito in Campania: “Il made in Italy deve essere difeso anche nella produzione dei bus, come abbiamo fatto durante i #millegiorni”. Basti sapere che nel frattempo l’ex Firema è stata venduta a una newco controllata dal gigante indiano Titagarh, l’Ilva sta passando sotto il controllo del magnate franco-indiano Arcelor Mittal e il rilancio delle acciaierie di Piombino è legato alle scelte di un algerino che non aveva mai avuto a che fare con la siderurgia fino all’acquisto dell’ex Lucchini. E sono questi i due principali fiori all’occhiello appassiti nella geografia delle crisi aziendali che aspettano una vera ripartenza, nonostante da mesi – e più spesso anni – i successi siano già stati annunciati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sole 24 Ore, al via la ricapitalizzazione. Ma Confindustria sa già che potrebbe non bastare

next
Articolo Successivo

Legge di Bilancio, altri salvagente per le grandi aziende in crisi. Così continuano a pagare i contribuenti

next