L’atto vandalico alla Fontana di Trevi sarebbe opera di Graziano Cecchini, l’artista che già nel 2007 aveva tinto di rosso la prima volta l’acqua del monumento al centro di Roma. A rivelarlo è lui stesso in un comunicato in cui spiega che “in 10 anni poche cose sono cambiate, molte delle quali in peggio”. Il titolo dato alla performance è “Pacta servanda sunt“. “Roma – scrive – è sempre stata lo specchio del Paese e oggi Roma è spenta, addormentata in mezzo alla sua sporcizia e alla sua corruzione. Oggi Roma ha bisogno di reagire, di svegliarsi da questo torpore e gridare ‘non ci sto più'”. “A 10 anni di distanza ripeto la mia performance per tentare di scuotere gli animi – continua -, accetto il rischio di alzare la voce io per tutti coloro che pensano che ‘non serve più’, ‘non serve a nulla’. Fontana di Trevi torna a tingersi di rosso per gridare che Roma non è morta, che è viva e che è pronta ad essere la Capitale dell’arte, della vita, della rinascita”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

FqMillenniuM, il numero sui “nemici di Papa Francesco” nelle mani di Bergoglio

prev
Articolo Successivo

Roma, l’impegno dei giovani per salvare la libreria: “Per noi è una seconda famiglia”. E raccolgono 20 mila euro

next