L’atto vandalico alla Fontana di Trevi sarebbe opera di Graziano Cecchini, l’artista che già nel 2007 aveva tinto di rosso la prima volta l’acqua del monumento al centro di Roma. A rivelarlo è lui stesso in un comunicato in cui spiega che “in 10 anni poche cose sono cambiate, molte delle quali in peggio”. Il titolo dato alla performance è “Pacta servanda sunt“. “Roma – scrive – è sempre stata lo specchio del Paese e oggi Roma è spenta, addormentata in mezzo alla sua sporcizia e alla sua corruzione. Oggi Roma ha bisogno di reagire, di svegliarsi da questo torpore e gridare ‘non ci sto più'”. “A 10 anni di distanza ripeto la mia performance per tentare di scuotere gli animi – continua -, accetto il rischio di alzare la voce io per tutti coloro che pensano che ‘non serve più’, ‘non serve a nulla’. Fontana di Trevi torna a tingersi di rosso per gridare che Roma non è morta, che è viva e che è pronta ad essere la Capitale dell’arte, della vita, della rinascita”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

FqMillenniuM, il numero sui “nemici di Papa Francesco” nelle mani di Bergoglio

next
Articolo Successivo

Roma, l’impegno dei giovani per salvare la libreria: “Per noi è una seconda famiglia”. E raccolgono 20 mila euro

next