Dopo Asia ArgentoAmbra Battilana Gutierrez, un’altra italiana compare tra le vittime di Harvey WeinsteinLo scrive il Los Angeles Times, secondo il quale la modella e attrice, di cui non si conosce il nome, ha denunciato per stupro il produttore. Dopo aver ascoltato la donne per due ore, la polizia di Los Angeles ha aperto un’inchiesta per abusi sessuali. L’attrice, “molto nota in Italia”, ha raccontato che lo stupro sarebbe avvenuto nel febbraio 2013 in occasione dell’ottavo Italia Film, Fashion and Art Fest di Los Angeles.

La donna, 38enne e madre di tre figli, conosceva già Weinstein e in occasione del primo incontro, avvenuto a Roma, aveva rifiutato di raggiungerlo in una stanza d’albergo. Secondo la testimonianza dell’attrice, al Festival di Los Angeles il produttore non ricordava di averla già incontrata: i due hanno brevemente parlato durante la serata. Weinstein si è poi presentato nel suo albergo, nonostante lei non gli avesse detto dove alloggiava. A quel punto la donna si è rifiutata di riceverlo in camera, proponendo un incontro nella hall ma il produttore è salito lo stesso e ha fatto irruzione nella sua stanza. Le ha quindi chiesto di spogliarsi, l’ha afferrata per i capelli costringendola a un atto sessuale e poi l’ha trascinata in bagno dove l’ha violentata. Dopo lo stupro, il produttore le avrebbe detto che era molto bella e che avrebbe potuto lavorare a Hollywood.

La donna ha detto di non aver denunciato prima perché era troppo spaventata e di essersi decisa solo adesso dopo aver parlato con la figlia di molestie che la ragazza ha subito da un ragazzo.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gigi D’Alessio, il figlio Luca diventa cantante. I commenti: “Raccomandato”. Ma lui si difende: “Ho fatto tutto da solo, con le mie forze”

next
Articolo Successivo

Ines Rau, la 26enne è la prima transgender di Playboy. Le polemiche su Instagram: “Hugh si starà rivoltando nella tomba”

next