Una legge per la tutela di chi denuncia che non vale, guarda caso, per i palazzi della politica. In Senato parla Andrea Franzoso, il “disobbediente” che svelò i furti di Ferrovie Nord Milano e le “spese pazze” del suo presidente, e invita altri a seguire il suo esempio: “denunciate”. Lo fa da Palazzo Madama, alla presenza del presidente Piero Grasso e del capo dell’Anac Raffaele Cantone, perché qui rischia di naufragare la legge per la protezione dei whistleblower, i “soffiatori di fischietto”. Una norma che tutela il dipendente nel momento in cui fa una segnalazione di episodi di illegalità. Che però non vale per i palazzi della politica, a partire dal Senato.

Perché la legge in questione, anche qualora venisse approvata, si infrangerebbe contro l’autodichia  della quale non tiene conto, cioè la facoltà di auto-regolamentare il proprio funzionamento di Camere, Quirinale e Corte Costituzionale. Una facoltà che le pone fuori della legge ordinaria, compresa quella sui “soffiatori”, cosicché un dipendente delle amministrazioni più sensibili dello Stato mai denuncerà. E neppure potrà rivolgersi all’Anac, come qualunque impiegato pubblico. Insomma, la legge ha un buco.

Il 17 ottobre se ne parlerà in un convegno promosso dal Comitato per il superamento dell’Autodichia insieme ad alcuni protagonisti di queste “battaglie di civiltà”. Tra gli altri, ci saranno Felice Besostri, l’avvocato protagonista della battaglia contro il Porcellum e coordinatore del gruppo di avvocati anti-Italicum, e Piero Lorenzoni, ricorrente in Corte Costituzionale per il primo caso di difesa dei lavoratori degli organi costituzionali dall’autodichia.

“I dipendenti di Camera, Senato e della Corte Costituzionale sono e restano diversi dagli altri lavoratori”, spiega la radicale Irene Testa, presidente del Comitato e autrice di saggi sul tema autodichia/autocrinia. “Se decidono di denunciare irregolarità, non possono essere tutelati dalla legge che sta per essere approvata. Un esempio: secondo la sentenza del Tribunale di Roma di qualche giorno fa, Sergio Scarpellini ha evaso l’Iva sugli affitti con la Camera del 2011. C’è qualcuno che sapeva, e che avrebbe potuto segnalare?”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Banche, il presidente dell’Abi chiede alla commissione che deve indagarle di proteggerle da garanzie della Bce

prev
Articolo Successivo

Senato, partiti d’accordo: il regolamento cambia. Norme anti-proliferazione gruppi e astensione non varrà più come un no

next