“Avete riempito di gioia i cuori di 100 milioni di egiziani“. E’ così che il presidente Abdel Fattah al-Sisi ha salutato i giocatori della nazionale egiziana, che ieri si sono qualificati ai Mondiali che si terranno in Russia nel 2018 e ai quali è stata dedicata una cerimonia presso il Palazzo dei Congressi al Cairo.
Sisi ha ringraziato i ‘Faraonì, nome con cui vengono chiamati in Egitto i giocatori della nazionale, in particolare l’ex giocatore della Roma Muhammad Salah, che ha subito “forti pressioni gli ultimi quattro minuti” della partita di ieri, quando poi ha segnato la rete con cui la squadra ha coronato la sua vittoria.
“Spero che durante i mondiali sappiate divertirci e farci gioire ancora di più”, ha aggiunto Sisi. Migliaia di egiziani si sono riversati ieri per le strade del Cairo per festeggiare la qualificazione dell’Egitto ai mondiali, vincendo 2 a 1 contro il Congo. L’ultima Coppa del Mondo cui ha partecipato la nazionale egiziana sono stati i Mondiali in Italia nel 1990.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mondiali Brasile 2014: quasi 900mila turisti. Furti, rapine e bagarini i ‘primi’ reati

prev
Articolo Successivo

L’Islanda batte il Kosovo 2 a 0 e si qualifica per i mondiali. Allo stadio festeggiano così

next