Un Silvio Berlusconi di gomma. Questa l’impressione che emerge dal primo scatto ufficiale che ritrae Toni Servillo nei panni dell’ex premier sul set di Loro, il nuovo film di Paolo Sorrentino. Una foto a mezzo busto con la classica calottina da Big Jim del Cavaliere e il collo della camicia sempre più largo sotto il quale perdere definitivamente collo e mento.

Già un paio di scatti erano sfuggiti alla produzione Indigo la scorsa estate quando Sorrentino aveva iniziato a girare a Roma le prime scene di Loro. Foto con diverse persone a figura intera, tra cui molte donne in minigonna, che correvano, e tra loro Riccardo Scamarcio ad interpretare Giampaolo Tarantini. Questa volta invece ecco il protagonista apparentemente assoluto del film che più che contrito in una smorfia sembra come essersi confuso definitivamente in una maschera, un po’ come l’Andreotti de Il Divo.

Il film però dovrebbe avere uno script più corale, quasi alla 1992, con diversi personaggi ad intrecciare le gesta ultime di B.: Stefano Ricucci (interpretato da Ricky Memphis), Veronica Lario (Elena Sofia Ricci), e una sfilza di ministri, emiri, giocatori di calcio; ma anche Noemi Letizia, Ennio Doris, Mike Bongiorno (quello vero) e una graziosa capretta. Loro è una produzione Indigo Film assieme a Pathé, ed è stato acquistato da Focus Featurs con distribuzione italiana Universal. Il film andrà sicuramente a Cannes 2018 (il Concorso non glielo toglierà nessuno), molto probabilmente assieme a Dogman, il nuovo film di Matteo Garrone sul celebre caso del Canaro, ovvero il toelettatore di cani Pietro De Negri che torturò e uccise nel suo negozio a Roma nel 1988 l’ex pugile Giancarlo Ricci.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Film in uscita al cinema, cosa vedere (e non) nel fine settimana del 6 ottobre

prev
Articolo Successivo

Jean Rochefort morto, addio all’attore francese: teatro primo amore poi 150 film in carriera

next