Lutto nel mondo del cinema francese. È morto, a 87 anni, l’attore parigino Jean Rochefort, che era ricoverato in un ospedale della capitale francese dallo scorso agosto. Nato nel 1930, a 19 anni era entrato al Centre d’Art Dramatique de la rue Blanche e in seguito al Conservatoire national supèrieur d’art dramatique. È considerato uno dei volti più rappresentativi del cinema francese: ha lavorato in 150 film vincendo il Cesar per Che la festa cominci…, ‘L’uomo del fiume e nel ’99 il premio alla carriera. Dopo il teatro, che gli permette di mettersi in luce mostrando la sua versatilità nell’interpretare sia ruoli brillanti che drammatici, si dedica prevalentemente al cinema, cimentandosi anche come regista. Negli anni ’60, partecipa ai primi tre film della saga cinematografica di Angelica.

Il 1972 segna la svolta nella sua carriera. Rochefort ottiene infatti un ruolo di rilievo nel film La Divorziata, una coproduzione franco-italiana nella quale interpreta la parte di Alexandre Boursault, ex-marito di Annie Girardot e padre della giovane Claude Jade, che vuole riunire i genitori dopo il loro divorzio. Rochefort appare inoltre in due pellicole dirette da Bertrand Tavernier ed entrambe accanto a Philippe Noiret. Nel 1990 è accanto ad Anna Galiena ne Il marito della parrucchiera di Leconte. “Un altro grande se ne va. Jean – dice l’attrice – non era soltanto un grande attore, era uno di quelli che con l’età migliorano, come il vino buono. Il mio ricordo di lui è ovviamente legato al nostro indimenticabile film assieme. Ogni mattina arrivava sul set di buon umore, con una scorta di barzellette, e salutava la troupe con un affettuoso ‘Bonjour les petits oiseaux’ (‘Buongiorno uccellini)”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il Divo Toni Servillo ora si trasforma in Silvio Berlusconi per il nuovo film di Paolo Sorrentino

next
Articolo Successivo

Hollywood, attrici e dipendenti molestate: il produttore Harvey Weinstein licenziato. Meryl Streep: “Digustoso abuso di potere”

next