Una sentenza certifica la presenza della ‘ndrangheta anche a Mantova e Brescia. E’ uno dei rami dell’inchiesta Aemilia che nel 2015 portò all’arresto di 117 persone soprattutto a Reggio Emilia che il procuratore nazionale antimafia Franco Roberti definì storica e paragonabile alle inchieste in Lombardia (Crimine-Infinito), Piemonte (Minotauro) e Liguria (Maglio). Oggi ha portato a 10 condanne, tra le quali quella per Nicolino Grande Aracri, capo cosca, per il quale è stata decisa dal tribunale una pena di 28 anni di reclusione. E’ la prima volta che il boss viene condannato in un tribunale del Nord Italia. I giudici di Brescia hanno pronunciato altre 9 sentenze di condanna a 26 anni per Antonio Rocca (braccio destro di Grande Aracri), a 4 anni per sua moglie Deanna Bignardi e a un anno e 9 mesi per suo figlio Salvatore. Condannati anche Giuseppe Loprete a 19 anni, Giacomo Marchio a 4 anni e mezzo, Salvatore Muto a 18 anni, i fratelli Danilo e Ennio Silipo a 4 anni e Alfonso Bonaccio a 10 anni. Altre sei persone sono state dichiarate assolte: Gaetano Belfiore, Antonio Floro Vito, Antonio Gaultieri e Moreno Nicolis oltre a Rosario e Salvatore Grande Aracri, nipoti del boss Nicolino.

I capi d’imputazione, a vario titolo, riguardavano estorsioni, minacce, detenzione abusiva di armi, aggravati dall’associazione a delinquere di stampo mafioso per fatti avvenuti a Mantova e Cremona. I giudici hanno deciso provvisionali di risarcimento in favore di un imprenditore (Matteo Franzoni) per 70mila euro e dell’associazione Libera per 200mila euro. I pm della Dda di Brescia a luglio, durante la requisitoria, avevano chiesto 17 condanne. Alla  i magistrati Claudia Moregola e Paolo Savio hanno commentato la sentenza: “Finalmente a Mantova è tornato il tempo della speranza”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

‘Ndrangheta, arrestato in Olanda il latitante Gioacchino Bonarrigo. Era in fuga dal 2011

prev
Articolo Successivo

Mafia, Papa Francesco: “È segno di una politica deviata, attecchisce e si sviluppa dove c’è corruzione”

next